Cos’è Magento?

Magento Popularity 2015

Magento è un CMS Open Source largamente utilizzato per la produzione di siti e-commerce. La sua popolarità è cresciuta al punto da diventare uno dei CMS più utilizzati a livello mondiale.

Magento Popularity 2015

Perché Usarlo

Esistono centinaia di ragioni per usare o non usare un software e ognuno dirà la sua. In questi casi ritengo che la cosa migliore da fare sia quella di cercare online e capire quali sono le tendenze. Se un numero sempre maggiore di utenti sceglie una piattaforma piuttosto che un’altra, probabilmente vale la pena dare un’occhiata e capire quali funzionalità essa ha da offrire rispetto all’argomento di interesse, in questo caso l’e-commerce. Ecco le mie ragioni:

  1. Free e Open Source

    La versione Magento Community Edition è gratuita. È possibile modificare il codice sorgente per estenderne le funzionalità oppure utilizzare le estensioni presenti all’interno del market place dedicato Magento Connect.

  2. Fatto per l’E-Commerce

    Se pensiamo a WordPress ci vengono in mente i blog. Questo perché Wordpress è nato per perseguire uno specifico obbiettivo: gestire e amministrare blog. Allo stesso modo Magento è stato progettato per gestire siti e-commerce, implementando funzionalità specifiche come la gestione di prodotti, store multipli, fatturazione o sistemi di pagamento.

  3. Scalabile

    Magento può essere utilizzato sia da piccole e medie imprese con basso numero di utenti e prodotti da gestire, che da grosse aziende in grado di servire interi stati e mercati diversi tra loro. Non è un caso che alcune Fortune 500, come Samsung, Lenovo, Nokia o Ford, utilizzano Magento per gestire i propri store virtuali.

Perché Odiarlo

Se da un lato ci sono molti motivi che ci spingono ad usare Magento per i nostri siti web, dall’altro ce ne sono altrettanti per odiarlo. La prima esperienza di personalizzazione in termini di programmazione può essere considerata da molti frustrante. Ecco gli aspetti che considero negativi e che mi hanno fatto odiare, anche se solo all’inizio, questo CMS.

  1. Complessità

    Magento è un sistema complesso (circa 8 milioni di linee di codice) e anche se la sua struttura è flessibile e modulare, essa può essere stravolta facilmente da altri moduli installati, creando non poche difficoltà durante le fasi di debug. Inoltre alcuni meccanismi interni, come il merging di interi file di configurazione e i sistemi di cache management, possono risultare poco chiari.

  2. Velocità

    Come menzionato, Magento è un sistema complesso e questo comporta una notevole diminuzione delle prestazioni e della velocità di elaborazione delle pagine. Eseguire query sul database, con circa 300 tabelle, e fare il parsing di centinaia di file di configurazione possono essere operazioni abbastanza lente. Per ovviare a questo genere di problemi, gli sviluppatori di Magento hanno creato diversi strati di cache e tabelle flat che rendono più snelli i processi di elaborazione da parte del server rendendo il sistema ancora più complesso.

  3. Documentazione

    La documentazione di Magento può risultare leggibile ma poco utile per uno sviluppatore. È disponibile una guida utente abbastanza completa che spiega l’uso del CMS ma nulla che riguardi lo sviluppo di componenti e l’estensibilità di cui tanto si vanta. Inoltre sembra che ci sia un alone di mistero tra gli sviluppatori Magento, una sorta di massoneria che detiene la conoscenza e le best practices a cui solo pochi possono accedere.

In conclusione, malgrado la sua complessità Magento rimane un software completo, dedicato e rappresenta uno standard quando si parla di siti e-commerce. Esistono molti sistemi più moderni, più snelli ma ancora troppo giovani per competere con questo software che continua ad aggiornarsi mantenendo comunque i suoi punti di forza: un architettura stabile, solida e scalabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *